AESCULUS Hippocastanus Ippocastano

Home RLP > Elenco Piante > Piante Arboree > Ippocastano Aesculus Hippocastanus

Scheda AESCULUS hippocastanus

Storia e informazioni generali:

Pianta arborea appartenente alla famiglia delle Sapindacee

Originaria delle zone Caucasiche

Il nome del genere deriva dal lat. 'aesculus', specie di quercia con ghiande commestibili che cresce sui monti, sacra a Giove (forse Quercus robur?), nome utilizzato da Linneo assegnandolo a questo genere.
L'epiteto specifico deriva dal gr. 'híppos', cavallo, e da 'kástanon', castagno: il frutto, simile alla castagna, era considerato stimolante alimento per i cavalli bolsi.

Rustico, tollera le basse temperature e non ha particolari esigenze in fatto di substrato. E' comunque poco resistente alla salinità del suolo e preferisce terreni umidi, da 0 a 1300 m s.l.m.

 Albero maestoso alto fino a 30 metri, con chioma espansa e compatta.

Le foglie sono decidue, palmato-settate, di colore verde brillante sulla pagina superiore e verde chiaro in quella inferiore.

I fiori sono bianchi, macchiati alla base di rosa o giallo e riuniti in grosse infiorescenza a pannocchia.

Il frutto è una capsula verde e spinosa, che contiene 1-2 semi marroni.

La foglia è composta palmata cioè le pinne sono distribuite come il palmo di una mano

Nella medicina popolare la corteccia è utilizzata come bevanda tonica e febbrifuga. I decotti e le infusioni hanno azione astringente. Per uso esterno le foglie fresche in acqua bollente danno buoni risultati in caso di contusioni.
I decotti e le infusioni dei grani, solo per uso esterno, vengono impiegati per preparare compresse per la cura dei dolori di origine reumatica e come cosmetici per la pelle, le pomate sono indicate nella cura delle emorroidi.

Nutrizione:

  • Esposizione : in pieno sole
  • Substrato : predilige terreni fertili e profondi anche calcarei e ben drenati
  • Irrigazione : poco esigente, se necessario irrigare una volta al mese
  • Concimazione : somministrare ogni anno nel periodo autunnale del concime organico

Avversità:

  • Guignardia aesculi : L’attacco avviene a carico delle foglie e si presenta in forma di macchie dapprima clorotiche, poi brune. Queste lesioni si trovano con maggiore frequenza alla periferia della lamina fogliare e sono delimitate dalle nervature. Le foglie più colpite finiscono per disseccare e cadere precocemente.
  • Lepidottero minatore ( Cameraria ohridella )

Rimedi:

  • Guignardia aesculi : Distruzione delle foglie malate cadute al suolo, riducendo così le fonti di ibernamento del patogeno. Eventualmente irrorare la pianta dall'apertura delle gemme e ripetere ogni 15 giorni con prodotti rameici.
  • Lepidottero minatore : raccogliere e distruggere le foglie cadute a terra entro la fine dell'inverno peer distruggere le crisalidi svernanti. Intervenire alla caduta dei petali con insetticidi autorizzati quali abamectina ( Vertimec )

Come riconoscere Ippocastano

In primis dalla foglia e dal fiore. In questa pagina trovi info specifiche su queste caratteristiche. Osserva la pianta che vuoi riconoscere e confrontala con le specifiche tecniche della AESCULUS hippocastanus Ippocastano.


Quanto dura e quando fiorisce:

Lamina foglia: palmata

Durata Foglia: decidua

Infiorescenza: pannocchia

Fioritura: primavera/estate

Altezza, Fusto e Radice

Fusto: eretto

Altezza: oltre il metro

Radice: fascicolata

Odore: profumato

Dove prospera:

Suolo: umido

Esposizione: soleggiata

Temperatura: sotto 0 gradi


Caratteristiche della foglia di AESCULUS hippocastanus Ippocastano

icona foglia palmata

Foglia:
palmata

icona foglia seghettato

Margine foglia:
seghettato

icona foglia opposta

Disposizione foglie:
opposta

icona foglia decidua

Durata foglia:
decidua

Colore foglia:
colore verde


Caratteristiche del fiore di Ippocastano

icona fiore calice e corolla liberi

Fiore:
calice e corolla liberi

Infiorescenza:
pannocchia

periodo Fioritura:
primavera/estate

colore Fiori:
colore bianchi colore fiorirossi colore fiorirosa


Piante Simili a AESCULUS hippocastanus Ippocastano per Tipologia

Platano

Ornamentali

PLATANUS acerifolia

Pianta arborea appartenente alla famiglia delle Platanacee Ibrido del P.orientalis euroasiatico e P. occidentalis del Nord America Albero deciduo che può raggiungere anche i 40 metri in

Scheda Platano
icona foglia palmata
Platano

Ornamentali

PLATANUS hybrida

Pianta arborea appartenente alla famiglia delle Platanacee Ibrido del P.orientalis euroasiatico e P. occidentalis del Nord America  Grande albero alto fino a 30 m, ma capace di

Scheda Platano
icona foglia palmata
Platano

Ornamentali

PLATANUS orientalis

Pianta arborea appartenente alla famiglia delle Platanacee Originaria dll'Europa sud orientale Si presenta come un grande albero alto fin oltre 40 m, con tronco rastremato con diametro in

Scheda Platano
icona foglia palmata

Piante Simili a AESCULUS hippocastanus Ippocastano per colore dei Fiori

Gaura

Ornamentali

OENOTHERA lindhemeri

Pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Onagracee Originaria dell'America Settentrionale La radice è rizomatosa e i fusti sono sottili e molto flessibili di colore

Scheda Gaura
icona foglia lanceolata
Albero di Sorrel

Ornamentali

CLETHRA acuminata

 Pianta arbustiva decidua appartenente alla famiglia delle Clethraceae. È originaria del Nord America, dove si trova principalmente nelle regioni montane dell'est degli Stati

Scheda Albero di Sorrel
icona foglia ellittica
Corniolo rosso

Ornamentali

CORNUS sericea

Pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Cornacee Originaria del Nord America Arbusto deciduo più largo che alto e che si diffonde per stoloni sotterranei formando fitte

Scheda Corniolo rosso
icona foglia obovata

Hai dubbi vegetali ?

Scrivi un'email, il Dottor Bruno sa sicuramente come aiutare, non appena avrà finito di mettere a posto il giardino! :)