Home RLP > Elenco Piante > Piante Commestibili > Vite Vitis Vinifera

Scheda VITIS vinifera

Storia e informazioni generali:

Pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Vitacee

Originaria del sud.est asiatico

Arbusto rampicante deciduo molto sviluppato in lunghezza con fusto contorto e irregolare .

Le foglie della vite sono palmate divise in 3 o 5 lobi

Dalle gemme dormienti si sviluppano i germogli nella primavera successiva, mentre dalle gemme pronte nello stesso anno si sviluppano germogli secondari detti femminelle. I germogli giovani sono detti pampini, mentre quando lignificano sono detti tralci sui quali in corrispondenza dei nodi si formano i cirri, le foglie e le infiorescenze.

I cirri o viticci sono organi di sostegno con sviluppo elicoidale e consentono l'ancoraggio ad un supporto. 

Le foglie della vite sono palmate e divise in 3 o 5 lobi, raramente di più e i margini sono dentati irregolarmente. Sono glabre nella pagina superiore, glabre o tomentose nell'inferiore. In autunno le foglie prima di cadere assumono colorazioni gialle o rosse.

I fiori riuniti in infiorescenze a grappolo sono dapprima erette e poi pendule e sono costituite da un'asse principale detto rachide che si ramifica in assi laterali che ramificano a loro volta . Il fiore ha calice e corolla saldate e il colore è giallo citrino.

Il frutto è una bacca detta acino di colore a seconda della varietà verde, giallo, o rosso o nero e spesso è ricoperto di pruina. 

La vite si coltiva o per la produzione del vino, o per la produzione dell'uva da tavola 

L’uva da tavola si consuma come frutta fresca di stagione, in macedonia o ridotta in succhi, con l’uva fresca molto matura, si confeziona il vino cotto, mosto stracotto fino a diventare una melassa dolcissima usata per confezionare mostaccioli e torroni. L’uva si consuma anche come frutta secca, dalle uve appassite si producono i vari passiti, le giovani foglie della vite servono per avvolgere le carni dell’agnello e il riso nella cucina greca e turca. Con le vinacce si preparano acquaviti come le grappe.

Come officinale si impiega per la cura e prevenzione delle seguenti patologie: Cattiva digestionbe, Diuresi, Emorroidi, Varici, Conguntivite, Inappetenza, Menopausa, Artite, Geloni, Gotta, come Astringente 

Nutrizione:

  • Esposizione : soleggiata
  • Substrato : si adatta a qualsiasi tipo di terreno purchè ben drenato
  • Irrigazioni : durante la stagione primaverile ed estiva solo in caso di prolungata siccità bisogna irrigare  
  • Concimazione : all'impianto di un vigneto somministrare concimi fosfo-potassici . Il sotto forma organica o minerale  oltre che potassici.  secondo anno distribuire concimi azotati. Molto valida anche la concimazione fogliare con prodotti completi di macro e microelementi ad integrazione della concimazione al terreno.
  • Potatura : si procede dal secondo anno di impiantoe si distingue in pota invernale e verde o estiva. La pota estiva si effettua durante la fase vegetativa e serve per ridurre l'ombreggiamento eccessivo della vegetazione. La pota invernale si effettua tra novembre e marzo durante il riposo vegetativo e la sua entità dipende dal sistema di allevamento :
  • sistema Guyot : forma di allevamento a parete con fusto che viene mantenuto a circa 80 cm dal suolo e  con un capo a frutto steso in orizzontale e la pota in questo caso e mista cioè il capo a frutto è provvisto di gemme tra 8-12 da cui si svilupperanno germogli fruttiferi che crescono verticali legati ai fili metallici, e accanto al capo a frutto viene lasciato uno sperone cioè un altro tralcio tagliato a 2 gemme con la pota invernale che nell'anno successivo sostituirà il capo a frutto e che deve essere reciso. Quindi ogni anno potando si rinnova lo sperone e il capo a frutto a partire dalle due gemme dello sperone
  • Cordone speronato : forma di allevamento a parete in cui i tralci sia vegetativi che produttivi sono speroni a 3 gemme massimo disposti in fila sul prolungamento del cordone che viene curvato in orizzontale parallelo ai fili metallici. Dalle gemme degli speroni si originano i germogli fruttiferi e vanno rinnovati ogni anno
  • Pergola : per ottenerla bisogna costruire una intelaiatura orizzontale a tetto e piantare vicino ad essa le viti che si arrampicheranno e formeranno i tralci e i capi a frutto. In questo caso la potatura è mista ed è necessaria per ridurre il numero di gemme . 

Avversità:

Rimedi:

  • Peronospora : intervenire preventivamente con fungicidi rameici dalla metà di Aprile a tutto luglio
  • Oidio : Intervenire preventivamene in contemporanea con l'antiperonosporico impiegando fungicidi a base di Zolfo
  • Botrite : intervenire in prechiusura grappolo e all'invaiatura con prodotti specifici
  • Erinosi : i trattamenti antioidici contengono il problema comunque non grave
  • Ragnetto rosso : se necessario intervenire con un acaricida
  • Fillossera : se necessario intervenire con un prodotto specifico a base di Acetamiprid (  Epik ) in prefioritura

Come riconoscere Vite

In primis dalla foglia e dal fiore. In questa pagina trovi info specifiche su queste caratteristiche. Osserva la pianta che vuoi riconoscere e confrontala con le specifiche tecniche della VITIS vinifera Vite.


Quanto dura e quando fiorisce:

Lamina foglia: palmata

Durata Foglia: decidua

Infiorescenza: pannocchia

Fioritura: primavera/estate

Altezza, Fusto e Radice

Fusto: rampicante

Altezza: oltre il metro

Radice: fascicolata

Odore: inodore

Dove prospera:

Suolo: indifferente

Esposizione: soleggiata

Temperatura: fra 0 e 10 gradi


Caratteristiche della foglia di VITIS vinifera Vite

icona foglia palmata

Foglia:
palmata

icona foglia dentato

Margine foglia:
dentato

icona foglia alterna

Disposizione foglie:
alterna

icona foglia decidua

Durata foglia:
decidua

Colore foglia:
colore verde


Caratteristiche del fiore di Vite

icona fiore calice e corolla liberi

Fiore:
calice e corolla liberi

Infiorescenza:
pannocchia

periodo Fioritura:
primavera/estate

colore Fiori:
colore bianchi


Piante Simili a VITIS vinifera Vite per Tipologia

Aralia

Ornamentali

FATSIA japonica

Pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Araliacee Originaria del Giappone meridionale Arbusto sempreverde che cresce fino a 1–3 m di altezza, con steli robusti e

Scheda Aralia
icona foglia palmata
Ginseng siberiano

Officinali

ELEUTHEROCOCCUS senticosus

Pianta appartenente alla famiglia delle Araliacee Originario della Siberia e Mongolia E' un arbusto spinoso spontaneo in Siberia  Arbusto cespuglioso provvisto di piccole spine

Scheda Ginseng siberiano
icona foglia palmata
Ricino

Arbustive

RICINUS communis

Pianta erbacea o arbustiva appartenente alla famiglia delle Euphorbiacee Originaria dell'Africa tropicale Pianta arbustiva decidua con fusto eretto che può raggiungere anche i 4

Scheda Ricino
icona foglia palmata

Piante Simili a VITIS vinifera Vite per colore dei Fiori

Gaura

Ornamentali

OENOTHERA lindhemeri

Pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Onagracee Originaria dell'America Settentrionale La radice è rizomatosa e i fusti sono sottili e molto flessibili di colore

Scheda Gaura
icona foglia lanceolata
Albero di Sorrel

Ornamentali

CLETHRA acuminata

 Pianta arbustiva decidua appartenente alla famiglia delle Clethraceae. È originaria del Nord America, dove si trova principalmente nelle regioni montane dell'est degli Stati

Scheda Albero di Sorrel
icona foglia ellittica
Corniolo rosso

Ornamentali

CORNUS sericea

Pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Cornacee Originaria del Nord America Arbusto deciduo più largo che alto e che si diffonde per stoloni sotterranei formando fitte

Scheda Corniolo rosso
icona foglia obovata

Hai dubbi vegetali ?

Scrivi un'email, il Dottor Bruno sa sicuramente come aiutare, non appena avrà finito di mettere a posto il giardino! :)